Teggiano

Proseguendo in questi luoghi del parco nazionale del Cilento e Vallo di Diano, tra i centri storici della Provincia di Salerno, Teggiano (m. 637 s.l.m. e 8.348 ab.) è certamente quello che ha conservato meglio la sua antica fisionomia di roccaforte ed è con tale aspetto che si presenta a chi raggiunge il suo Centro Storico.
L’aspetto naturale di Ioppidum romano, ricordato ancora oggi dalla conservazione in pianta del Cardo e del Decumano viene rinnovato in epoca normanna e in età federiciana.
Ma è soprattutto in epoca medioevale che l’allora Diano ha avuto un ruolo predominante nella storia del Vallo di Diano. Difatti la potente famiglia Sanseverino vi costruì il Castello e la elesse a roccaforte dove potersi rifugiare in caso di pericolo. Lì Antonello Sanseverino, Principe di Salerno e signore dello Stato di Diano, insieme a molti altri feudatari della zona, ordì la Congiura dei baroni, una sorta di sommossa fiscale contro il re di Napoli Federico d’Aragona e conclusa nel 1487 con l’accordo fra le parti.
A quell’epoca oltre al Castello era protetta tutta la città poichè Diano era cinta da alte mura con 25 torri di guardia e quattro porte di accesso e fu ritenuta inespugnabile dopo che resistette per 3 mesi all’assedio del nuovo re di Napoli Ferdinando d’Aragona.

Maggiori info su: www.museiditeggiano.itwww.comune.teggiano.sa.it


Prenotazione minima di una settimana, arrivi e partenze solo la domenica

La preghiamo di verifcare i suoi dati

You must complete the captcha to finish your booking :

La sua prenotazione è stata inviata. Verrà ricontattato da un nostro responsabile per la conferma.

Le invieremo i dettagli per il pagamento via email non appena la prenotazione sarà confermata.
La ringraziamo per averci preferito.